Autorizzazione unica (AU) per impianti alimentati da fonti rinnovabili

Autorizzazione unica (AU) per impianti alimentati da fonti rinnovabili

Il procedimento di autorizzazione unica è normato dal Decreto legislativo 29/12/2003, n. 387, art. 12, com. 3 e dal Decreto legislativo 03/03/2011, n. 28, art. 5. L’autorizzazione è rilasciata dalla Provincia territorialmente competente rispettando le normative vigenti in materia di tutela dell’ambiente e di tutela del paesaggio e del patrimonio storico-artistico (Legge regionale 12/12/2003, n. 26, art. 28, com. 1, let. e-bis). La Regione Lombardia può però autorizzare la realizzazione e l’esercizio di impianti  di ricerca, di sperimentazione e di impianti innovativi (Legge regionale 12/12/2003, n. 26, art. 17, com. 1, let. c, c-bis e c-ter); sempre la Regione può rilasciare autorizzazioni e concessioni per le grandi derivazioni d’acqua (Regio Decreto 11/12/1933, n. 1775 e Legge regionale 12/12/2003, n. 26, art. 44, com. 1, let. h). L’autorizzazione unica costituisce, dove occorre, variante allo strumento urbanistico.

Dal 10/12/2012, sul territorio della Lombardia, la presentazione e la gestione amministrativa e tecnica della autorizzazione unica per la costruzione, l'installazione e l'esercizio di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti energetiche rinnovabili dovranno avvenire esclusivamente in modalità telematica attraverso il servizio applicativo FERAU (Decreto del Direttore Generale 21/11/2012, n. 10545).

Regione Lombardia ha predisposto questo servizio all’interno della piattaforma informatica MUTA (Modello Unico Trasmissione Atti) raggiungibile dal sito web http://www.muta.servizirl.it.

La modulistica di riferimento per questo tipo di istanze è quella approvata con Decreto del Direttore Generale 20/11/2012, n. 10484.